LE RAGIONI DI STATO, UCCIDONO LA VERITÀ, E CHI SAPEVA HA TACIUTO, QUANTA POLVERE NEI CASETTI DELL’INGIUSTIZIA, SIAMO SEMPRE ULTIMI NEL FAR VALERE IL NOSTRO PAESE E DIFENDERE I CITTADINI ITALIANI, E QUESTO GOVERNO, RENZI, GENTILONI, BERLUSCONI, NAPOLITANO, HA FALLITO IN TUTTO, ASPETTO PAROLE FORTI DALLA BOLDRINI!
EGITTO AMARO

Giulio voleva le sue caramelle,
batteva i piedi e poi teneva il broncio,
la lingua al cioccolato lo calmò.
Correva nel giardino delle mele,
la madre lo guardava da lontano,
“ma come cresce bene il mio bambino”.
Giulio aveva un sogno nel cassetto,
la mezzaluna a oriente lo guardò,
e un Fiumicello indietro si lasciò.
Giulio e le sue parole in più versioni,
avevano il sapore di altri suoni,
e il suono che più lieto gli arrivò,
lo vide figlio di una terra nuova.
Quel faraone che lo prese in dote,
rapì il suo cuore e lo tradì nel sogno,
che non sorrise al giovane d’Italia
ricercatore perso da chi spera
nelle ricerche vane dei suoi passi
svaniti nella polvere d’Egitto,
e verità nascoste a sponde amiche.
Il grido si levò quel venticinque,
e seppellito fu da altre grida
che macinate insieme a dei silenzi
mutarono la verità in bugia.
La madre lo guardava piccolino,
che si feriva lieve nel cadere
gli pose la saliva per lenire
il piccolo rossore che nasceva,
gli stessi occhi non poté posare
vent’otto anni dopo il suo sgravare,
quando qualcuno gli feriva il cuore,
poté soltanto prender suo figlio
e chiuderlo di nuovo nel suo grembo.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *